Definizioni Italiano

  • Numero cardinale che indica la mancanza di qls. unità(simbolo 0)║ estens. Punto di partenza di una qls. successione; part., stato iniziale di una grandezza suscettibile di variare in due sensi opposti: il termometro segna z. 5 gradi sotto (o sopra ) z. anche come agg.(invar.): ora z., la mezzanotte, oppure, nel conteggio alla rovescia, l’ora precisa per dare inizio a un’operazione, spec. militare ║ Anno z., il punto di massimo degrado o di annientamento a cui si è giunti, e dal quale si deve iniziare uno sforzo di ripresa │ Ripartire da z., dall’inizio, dal nulla, specie dopo un fallimento o un periodo molto negativo.
  • In strumenti di misurazione, posizione segnata dall’indice in condizioni di riposo: mettere a z. uno strumento riduzione a z., azzeramento ║(FIS). Z. assoluto , la minima temperatura alla quale può, in teoria, essere portato un corpo; corrisponde a -273 gradi centigradi ║ Sparare a z., con l’arma in posizione orizzontale, quando il bersaglio è molto vicino (fig., polemizzare senza guardare troppo per il sottile)│ Tagliare i capelli a z., rapare a z., raderli il più vicino possibile alla cute │ Farina z.(o doppio z.), finissima.
  • Come agg.(invar.), in statistica, designa la condizione di un fenomeno che in un certo periodo di tempo non presenta incremento alcuno ║ Crescita z., con riferimento alla popolazione, quando il numero delle nascite uguaglia quello dei decessi ║(EDIT). Numero z., l’esemplare di un nuovo quotidiano o di una nuova rivista, stampato in un numero limitato di copie, con funzione di prova delle caratteristiche grafiche e di contenuto; anal., prototipo di un nuovo programma.
  • (SCOL). Nella valutazione scolastica relativa alla scuola secondaria superiore, il più basso punto di merito, denotante insufficienza assoluta.
  • Niente, nulla: in ditta non conta uno z.