Definizioni Italiano

  • Asportare peli o penne: p. i polli p. le pelli ║ scherz. Tagliare i capelli, spec. a zero; rapare: il barbiere mi ha pelato.
  • estens. Privare delle foglie: il vento ha pelato tutti gli alberi ║ Privare della buccia; sbucciare: p. le castagne, le patate.
  • fam. Determinare sulla pelle una sensazione violenta di freddo o di caldo: una tramontana che pela la faccia quest’acqua è troppo calda, pela!
  • fig.(fam.). Spillare denaro in maniera esosa; spennare: in quel ristorante pelano mi sono fatto pelare a poker.
  • Ciascuna delle formazioni filiformi di sostanza cornea, caratteristiche dell’epidermide dell’uomo e dei mammiferi: p. folti, radi, irsuti ║ Non torcere un p., astenersi da qls. tentativo di violenza │ Non aver peli sulla lingua , esprimersi con franchezza anche a costo di essere giudicato polemico o scortese │ Cercare il p. nell’uovo , notare anche la più piccola imperfezione │ Per un p., per pochissimo: ho perso il treno per un p.
  • Il pelame degli animali: p. di orso, di gatto ║ Pelliccia: collo e polsi di p ║ Cavalcare a p., senza sella │ Il lupo perde il p. ma non il vizio , si può apparire cambiati, ma è difficile mutare interiormente.
  • I capelli e la barba dell’uomo ║ Di primo p., cui solo da poco spunta la barba, imberbe (fig., inesperto, alle prime armi: un politico di primo p.) │ Fare il p. e il contropelo , radersi in ambedue i versi del pelo della barba (fig., sottoporre a critica severa)│ Avere il p. sullo stomaco , essere crudele, insensibile.
  • estens. Formazione pilifera del tessuto epidermico dei vegetali: p. orticanti ║ La sottile peluria che si riscontra alla superficie di certi tessuti: il verso del p.
  • Fibra tessile naturale, simile alla lana, ricavata dal vello di diversi animali: p. di cammello.
  • fig. L’estremo livello superiore di una massa liquida: a p. dell’acqua.