Definizioni Italiano

di

  • Prep. semplice suscettibile di elisione davanti a vocale (una notte d’inverno ; un pezzo d’artiglieria ); in unione con gli articoli il , lo , i , gli , la , le , forma le prep. articolate del , dello , della , dei , degli , delle.
  • Introduce i complementi di MOTO DA LUOGO: uscì di casa alle 2 ; di città in città; MOTO PER LUOGO: passiamo di qui ; PRIVAZIONE: un ambiente privo d’aria ; ORIGINE o PROVENIENZA: era originario di Molfetta ;è figlia di un medico ; DENOMINAZIONE: l’isola d’Elba , la città di Londra ; ARGOMENTO: un libro di storia ; di che cosa hai parlato tutto il pomeriggio?; SPECIFICAZIONE: il tramonto del sole ; i lacci delle scarpe ; un affresco di Raffaello ; il romanzo del Manzoni ; ABBONDANZA: un uomo pieno di quattrini ; LIMITAZIONE: sono malato d’influenza ; ETÀ: un ragazzo di 13 anni ; ESTENSIONE: un sentiero di 200 m ; PESO o MISURA: un pollo di 2 chili ; una superstrada di 65 km ; STIMA o PREZZO: un oggetto di enorme valore ; QUALITÀ: una donna di buon cuore ; MATERIA: una collana di perle ; una spada di legno ; MODO o MANIERA: rideva di gusto ; CAUSA: morire di fame ; FINE o SCOPO: truppe d’assalto ; mettersi di vedetta ; non mi fu di alcun aiuto ; COLPA: lo accusarono di tradimento ; incriminare di furto ; PENA: fu multato di 100 euro ; PARTITIVO: 5 di costoro non erano d’accordo ; parecchi di voi non ritorneranno ; distributivo: di 20 in 20 ; di 3 in 3 ; TEMPO: la Guerra dei Trent’anni ; uscire di sera , di mattina ; PARAGONE: mio fratello è più alto di me ; il suo ultimo romanzo è meno originale del precedente.
  • part. La prep. entra nella costr. del SUPERLATIVO RELATIVO: il più intelligente di tutti ║ Nel COMPARATIVO , di sostituisce che nei casi in cui il confronto ha luogo tra persone, animali o cose: Luigi è più intelligente di Carlo il gatto è più furbo del cane la birra è meno alcolica del vino.
  • Pronunciare, articolare con la voce: d. una parolaccia a qcn.
  • Affermare, dichiarare, sia a voce sia in uno scritto: mi hai detto solo bugie il giornale dice che.. ║ A d. il vero , per introdurre una precisazione │ A dir poco , come minimo, per lo meno │ D. di sì, annuire o, anche, accettare, acconsentire │ D. di no , negare o, anche, rifiutare, non accettare │ D. la mia , la tua , ecc., esprimere la propria opinione │ Così per d., tanto per d., senza dare alcuna importanza alle parole │ Non c’è che d., è proprio così.
  • Esporre, spiegare, illustrare: ho detto tutto su questo argomento ║ Dirne quattro , rimproverare duramente, spec. insultando.
  • Riferire, far sapere:è un segreto, non devi dirlo a nessuno ║ Come tr. pron., considerare tra sé e sé: mi sono detto che era una follia.
  • Dare come giudizio, pensare: tu che dici di quest’affare? chi avrebbe mai detto che stava mentendo?
  • Chiedere in modo perentorio, ordinare: digli di venire subito ║ Consigliare, suggerire: ho sempre agito come mi diceva il cuore.
  • Esprimere, indicare un concetto in una determinata lingua: in inglese cane si dice “dog”║ Vale a d., per introdurre la spiegazione di un’affermazione precedente │ Voler d., importare, essere determinante: che sia bianco o rosso non vuol d.║ Trasmettere, comunicare qcs. di valido e significativo: questo quadro non mi dice nulla.
  • Attestare, provare, dimostrare: questo ti dice quanto sia sciocco ║ Far presumere, lasciar credere o prevedere: tutto mi dice che sarà una dura lotta.
  • Con uso impers., parere, sembrare, essere raccontato in giro: si dice che abbia rapporti con la malavita.
  • Come intr.(aus. avere ), parlare: d. bene, male di qcn.║ Raccontare, riferire: mi hanno detto del tuo matrimonio.
  • Come s.m., L’atto di parlare, del dichiarare:è più facile il d. che il fare ║ Stando al suo d., alle sue parole.