Definizioni Italiano

  • Senso di viva soddisfazione: è una notizia che mi fa p. spesso in frasi di cortesia: che p. vederti così ben ristabilito! assol., nelle presentazioni: “Eugenia Citernesi” “Piacere! ” ║ Con p., formula di cortesia con la quale si accetta qcs. o si esprime il proprio consenso: “Vieni a cena da me? ” “Con p.”.
  • Motivo di compiacimento, di divertimento, di soddisfazione: i p. dello spirito, della tavola pregustare i p. delle vacanze ║ Donna di p., prostituta.
  • Cortesia, favore: gli ho fatto molti p. ║ Anche, in espressioni risentite e sarcastiche di incredulità o di insofferenza: ma mi faccia il p.! fammi il santo p. di levarti di torno! ║ Per p., per favore (formula di cortesia): per p., mi fa accendere la sigaretta?
  • Desiderio, volontà: a mio, tuo p. scelga a suo p. nel menu, offro io ║ A p., senza limitazioni di sorta: vino, dolci a p. nel linguaggio scolastico: tema, argomento a p., liberamente scelto dallo studente.
  • Risultare gradito, essere di proprio gusto: mi piacciono i film di fantascienza.
  • estens. Provare il desiderio di qcs., avere voglia; desiderare: mi piacerebbe tanto che tu venissi con noi.
  • Ispirare fiducia, simpatia, stima: la sua franchezza mi piace.
  • Riscuotere favore o consenso, suscitare approvazione: la tua relazione è molto piaciuta ║ Suscitare sentimenti di attrazione, esercitare fascino; attirare: quel ragazzo le è sempre piaciuto.
  • Ritenere giusto; preferire: fa’ pure come più ti piace ║ Piaccia o non piaccia , che lo si voglia o no.
  • Apparire opportuno e conveniente: piacque al senato di dare al console pieni poteri ║ Piacesse (o piaccia ) a Dio.. , per introdurre un augurio, una preghiera │ A Dio piacendo , se Dio vorrà, se sarà possibile.
  • rifl. Trovarsi di proprio gusto: da quando vado in palestra mi piaccio molto di più.
  • rifl. recipr. Provare interesse, simpatia, attrazione l’uno per l’altro.